.
Annunci online

sanzioniproporzionate
 
 

SOCIETA'
6 ottobre 2008
PRESENTAZIONE
La legge è uguale per tutti....ma noi non siamo tutti uguali

In qualsiasi società c'è come una piramide con in cima i più ricchi e/o potenti e a scendere giù, giù fino ai più deboli. Si chiama piramide gerarchica. Ce l'hanno anche le galline, però loro non hanno la bomba atomica, le dinamiche finanziarie o altri giocattoli del genere, ragion per cui, la nostra piramide, soprattutto in alto, è indispensabile che funzioni bene).

Per raggiungere questo obbiettivo la legge deve rimanere uguale per tutti, ma le sanzioni no. Queste devono crescere col crescere del posto sulla piramide. Solo così riusciremo a far rispettare le regole da chi sta in cima, e di conseguenza da tutti, e a realizzare una società migliore.

Moltissimi problemi della nostra società si possono ricondurre ad uno solo. Quello di riuscire a ottenere e mantenere negli anni, una classe dirigente degna di questo nome.

Non possiamo essere esperti di tutto. Ci vorrebbero 30 lauree. E 300 ore al giorno. E più passa il tempo, e più ce ne vorrebbero. Il problema, sempre più pressante, è riuscire a delegare le decisioni a una classe competente di cui ci si possa fidare. Che faccia davvero gli interessi generali.
Nei secoli abbiamo inventato le elezioni, la divisione dei poteri, l'antitrust dell'informazione ect, ect. ma tutto ciò viene aggirato, disatteso. Perchè le sanzioni per i ricchi e per i potenti non sono mai state sufficienti. E non parlo di galera, lasciandogli i soldi e il potere per "evitarla". Bisogna agire togliendogli la loro forza. Soldi e possibilità di avere incarichi pubblici.
 

Il discorso è:

1. multe proporzionate al reddito.

2. multe e sanzioni proporzionate al potere.

3. maggior convenienza, (spesso), delle sanzioni proporzionate, rispetto al carcere.


Il denaro
è forse il più potente motore della nostra società. Dobbiamo imparare ad usarlo anche come
freno.

Una multa uguale è una pena disuguale. Severa per un povero, leggera per un ricco. Questa ingiustizia, senza che ce ne rendiamo conto, monta giorno dopo giorno, rabbia da un lato, e troppa "libertà" dall'altro, capovolgendo i valori di questa società, fino a che ricchi e potenti, (che non ne avrebbero bisogno), rubano, in termini quantitativi (miliaridi) più dei poveri! che però nell'immediato (rapine, scippi) hanno un impatto apparente, più pericoloso e allarmante.
Credo che proporzionando le multe al reddito ed al potere, si innescherebbe un rapido processo di miglioramento delle classi elevate. E a seguire di tutta la società.

Altrimenti le classi dirigenti e la società, continueranno a peggiorare fino ad arrivare a ciclici sconfinamenti nella pazzia, nella guerra o nelle rivoluzioni. Come la storia insegna. (Spero di sbagliarmi).
I ricchi e soprattutto i potenti, devono essere i migliori. Per attirarli ci vogliono buoni stipendi. Ma questi attirano tutti, buoni e cattivi. Le sanzioni proporzionate "setacciano" i buoni lasciando cadere i cattivi..

Sanzioni crescenti, in modo che siano sempre all'altezza dei poteri che devono punire Queste sanzioni mi pare sia chiaro 
non colpiranno tutti i ricchi e i potenti, ma soltanto quelli che rubano. Quindi porteranno ancora più ricchezza ai ricchi onesti e più potere ai potenti onesti, migliorando la società. 

Le sanzioni saranno più efficaci anche con i poveri. Vedi come.

Con le multe proporzionate, il carcere in molti casi diventerà inutile, obsoleto.

Queste idee mi vennero in mente nel 1996 e cominciai a pensare che fossero nuove. Poi nel 2001 scoprii che la Finlandia (vedi post più avanti) già dal 1921 ha introdotto sanzioni proporzionate al reddito... ed attualmente (penso non casualmente) sta registrando record di crescita sociale ed economica. Anche altri Stati le hanno adottate: USA e altri paesi anglosassoni, per alcuni reati. Svezia (forse), Norvegia (forse), Germania (dagli anni '60 per reati penali), Portogallo(dopo il 2000), Danimarca (2004 circa con sistema a 2 scaglioni)), Belgio (2005), Svizzera (2007) e Grecia (2007). (Mi risulta però, sempre e soltanto relativamente al reddito e non al potere. Qualcosa riguardo al potere però si trova, soprattutto nella Repubblica Serenissima di Venezia. vedi il post VARIE)

sfoglia
      
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
Feed
blog letto 20058 volte